Elliot Eland soffre della sindrome di Angelman e in sostanza appare perennemente sorridente a causa di uno stato di agitazione. Ma in realtà la patologia è fortemente invalidante per questo bimbo di appena due anni che ancora non parla e cammina con difficoltà. La causa del sorriso perenne associato a vari deficit starebbe in un disordine neurologico riconducibile a un problema cromosomico che solo in Gran Bretagna riguarda circa mille persone. I genitori del piccolo si sono resi conto di qualche possibile deficit nel corso dell’allattamento. In seguito gli esami genetici hanno dimostrato la presenza della sindrome. Elliott avrà difficoltà con varie abilità, ma papà e mamma per il momento sono felici della sua felicità. Vero è che il bimbo sorride a causa di un continuo stato di iper eccitazione, ma regala comunque ai genitori la sensazione di essere lieto. I coniugi Eland hanno anche creato una società di raccolta fondi denominata One Big Tickle e dedicata a questa rara patologia.

Advertisements