Si è celebrato ieri il quarantesimo anniversario dell’incidente aereo che nel 1972 vide schiantarsi sulle montagne del Cile un aereo che trasportava da Montevideo a Santiago la squadra dilettantistica uruguayana di rugby dei Fratelli Cristiani. Sedici dei quarantacinque passeggeri sopravvissero per 72 giorni malgrado le temperature gelide delle montagne cilene, cibandosi della carne dei loro compagni che erano periti nell’incidente. Nel corso delle commemorazioni si è svolta la partita di palla ovale che gli oggi sessantenni componenti della squadra dei Fratelli Cristiani stavano andando a giocare in quello sciagurato giorno.