E’ questa la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori della University of California – Berkeley, secondo i quali atei e agnostici sarebbero più volenterosi nell’aiutare il prossimo rispetto alle persone con fede religiosa. La ragione di questa inaspettata differenza sarebbe che gli atei si lasciano più facilmente guidare dalle emozioni, mentre le persone religiose sono più influenzate dalla dottrina, dal pensiero comunitario e dall’attenzione alla reputazione.