Il popolare attore e regista americano finisce di nuovo nel mirino per il suo antisemitismo. Questa volta ad accusarlo è lo scrittore Joe Ezsterhas (autore di Basic Istinct) che imputa a Gibson di avere rifiutato la sua sceneggiatura per il film “The Maccabees” (incentrato su quello che viene considerato uno dei più grandi guerrieri della storia ebraica, Giuda Maccabeo) perché “odia gli ebrei”. Ezsterhas ha inoltre riferito di colloqui con Gibson, durante i quali la star hollywoodiana avrebbe usato termini dispregiativi nei confronti degli ebrei. Inoltre, sempre secondo lo scrittore di origine ungherese, il protagonista di Braveheart avrebbe anche detto che John Lennon meritava di essere ucciso. Nel 2004 Gibson era stato arrestato per guida in stato di ebbrezza e, dopo avere chiesto all’agente se fosse ebreo, si era lasciato andare a una serie di insulti contro il popolo di Mosè. In seguito aveva addebitato le sue parole al proprio problema con l’alcol. In questo caso invece l’attore ha risposto alle accuse tramite una lettera nella quale ha sostenuto che “la sceneggiatura è stata rifiutata soltanto perché non era piaciuta e per nessun’altro motivo” e negando decisamente le affermazioni che gli vengono attribuite da Ezsterhas.