E’ stato infatti mezzo secolo fa che due chirurghi americani ebbero l’intuizione su come modificare, aumentandole, le dimensioni del seno femminile. Correva l’anno 1962 quando Franck Gerow e Thomas Cronin impiantarono la prima protesi al silicone su una paziente umana,Timmie Jean Lindsay, in una delle sale operatorie del Jefferson Davis Hospital di Houston. Prima di essere messa in pratica sull’allora trentenne Timmie, la tecnica era stata sperimentata soltanto su una cagnetta di nome Esmeralda. Il padre riconosciuto dell’idea è in realtà il solo Gerow che un giorno, maneggiando una sacca di sangue in materiale plastico, scoprì che al tatto ricordava un florido seno. Agli albori della chirurgia estetica erano disponibili soltanto quattro taglie tra le quali le signore potevano scegliere un nuovo paio di tette (large, medium, small e petite), ai giorni nostri ne esistono ben quattrocentocinquanta.

Le nazioni più rifatte del 2010
Per numero di interventi di mastoplastica:
1 – Stati Uniti d’America
2 – Brasile
3 – Messico
4 – Italia
5 – Cina

Considerando il rapporto tra il numero di interventi e la popolazione totale:
1 – Brasile
2 – Grecia
3 – Italia
4 – Colombia
5 – Stati Uniti d’America

Continua su Corriere.it