Basta spegnere il cellulare una sera alla settimana, senza cadere nella tentazione di accenderlo in tarda serata furtivamente per controllare. Black out totale, assoluto e impietoso, ma solo per una serata ogni sette: pare sia la ricetta della serenità e pare anche che sia sufficiente per disintossicarsi dall’overdose alla quale si è esposti nel corso delle altre sei sere e sei mattine e sei pomeriggi. E la cosa più entusiasmante è che l’interruzione temporanea ma costante gioverebbe persino alle performance lavorative. Lo sostengono i ricercatori della Harvard Business School che, dopo avere reclutato 1.400 dipendenti di Boston Consulting Group, uno dei leader mondiali nella consulenza strategica di business, hanno proibito loro l’uso del cellulare dopo le sei di sera, una volta alla settimana. Nel corso della ricerca triennale, chi si è attenuto alla norma è risultato essere più soddisfatto del proprio lavoro e più presente in famiglia. E buona parte dei volontari ha dichiarato: “il mattino seguente alla just one evening senza telefono mi alzavo con entusiasmo e tenacia, pronto ad affrontare il lavoro in modo molto più motivato del solito”. Per non parlare della gioia dei familiari, grandi e piccini. Una sera soltanto, ma tassativa e puntuale, ogni sette giorni precisi.