I ricchi peccano di più? Si, pare proprio di sì, non per perfidia o per caratteristiche innate, ma perché il vil denaro pare che corrompa. E anche tanto.

Pare infatti che il Vangelo avesse ragione: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei Cieli. I ricchi mentono di più, tradiscono e trasgrediscono. Molto più delle classi meno agiate. Lo sostiene uno studio della Berkeley University e dell’Università di Toronto pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences che aggrega a sua volta i risultati di sette precedenti ricerche in cui certamente non si sostiene che i ricchi siano più cattivi, ma dal quale emerge che le persone ai gradi più alti della scala società tendano per natura a comportamenti più egoisti e a una certa impunità.

Annunci