Ieri sera alla Casa Bianca si è tenuto un concerto per celebrare il Mese della storia afro-americana (Black History Month). Nel corso dell’evento si è esibita una super band (Mick Jagger, B.B.King, Booker T.Jones, Buddy Guy e Derek Trucks tra gli altri), ma il piatto forte è arrivato alla fine dello spettacolo, quando Buddy Guy ha ricordato al Presidente il comizio che quest’ultimo tenne nel tempio della musica nera newyorchese, l’Apollo Theatre (in quell’occasione Obama intonò una strofa di Let’s Stay Together di Al Green). “Stiamo cercando di farti cantare questa canzone – ha detto Guy mentre le note di Sweet Home Chicago iniziavano a diffondersi – Ho sentito che hai cantato quella di Al Green e così hai dato il via a qualcosa che devi continuare”. Dopo un primo momento di imbarazzo Obama ha raccolto il microfono che gli veniva porto con una certa insistenza e ha intonato il primo verso della canzone, coadiuvato da B.B.King. Indipendentemente dalle idee politiche e dalle simpatie o antipatie personali, guardando il video bisogna ammettere che quell’uomo “ha stile”.