Una lingua per sopravvivere deve rimanere viva. E non basta trascriverne i termini. Occorre anche registrarla e sentirne il suono. Per conservarne la memoria quando nessuno la parlerà più. I linguisti stanno lavorando al progetto di una sorta di vocabolario parlante per tutelare i più di settemila linguaggi nel mondo a rischio di estinzione. L’iniziativa, che comprende otto nuovi vocabolari digitali e parlanti, è stata presentata all’American Association for the Advancement of Science di Vancouver e le lingue verranno registrate in questo vocabolario proprio perché non se ne perda l’uso dopo la morte dei pochi che le parlano ancora. Il dizionario digitale parlante utilizzerà Facebook, Twitter e Internet e registrerà ben 24 mila termini.