Il quarantaquattrenne Peter Skyllberg è sopravvissuto in un’auto rimasta completamente coperta dalla neve in un bosco. Del tutto isolato e al gelo, non lontano dalla città svedese di Umea, per due mesi si è nutrito solo di neve. L’auto è stata avvistata da un giovane, che ha notato il tetto di un’auto che spuntava dalla neve e ha subito chiamato i soccorsi. Il protagonista della vicenda era scomparso il 19 dicembre scorso e probabilmente è riuscito a restare in vita grazie all’aria che circondava la sua vettura coperta dalla spessa coltre di neve che ha prodotto una sorta di effetto igloo, mantenendo la temperatura vicina a zero gradi, mentre quella esterna si aggirava sui meno trenta. L’uomo, denutrito e semi assiderato, è stato ricoverato presso l’ospedale locale e attualmente le sue condizioni di salute sono buone, infatti potrebbe venire dimesso tra pochi giorni.

Continua su Corriere.it