Tutte quelle fotografie sorridenti, tutti quei volti belli, tutti quei link e quei tag che parlano di una vita piena di amici, di musica e di successi: vi è mai successo aprendo la pagina Facebook di pensare che tutto il mondo sia più felice, realizzato e bello di voi?
Una ricerca della Utah Valley University sostiene che più una persona utilizza Fb più è portata a credere che gli altri utenti siano più felici di lei. I sociologi Hui-Tzu Grace Chou e Nicholas Edge hanno infatti intervistato un campione di 425 persone sul proprio stato emotivo ed è emerso che gli utenti del social network blu sono spesso affetti da un senso di tristezza. Le foto sorridenti attentamente selezionate e il numero di amici (che magari nemmeno si conoscono) inducono in chi le osserva la sensazione che la vita sia ingiusta nei suoi confronti. E l’invidia inizia a far capolino, alimentata da un senso profondo di ingiustizia. Ma non è tutto come sembra…