I funzionari della sicurezza aerea australiana hanno avviato un’indagine dopo che l’iPhone di un passeggero della compagnia aerea, a quanto pare, ha preso fuoco durante un volo. Il portavoce della compagnia aerea locale Regional Express ha dichiarato che il telefono è dapprima diventato rosso incandescente e in seguito ha iniziato a emettere un fumo denso, subito dopo l’atterraggio dell’aereo avvenuto venerdì scorso a Sydney. Gli assistenti di volo hanno dovuto spegnere il telefono, che è stato poi consegnato agli investigatori. I funzionari hanno annunciato che nel corso dell’inchiesta si rivolgeranno ad Apple per ottenerne la consulenza. “Non ci sono mai state segnalazioni di casi di iPhone entrati spontaneamente in autocombustione – ha sostenuto un portavoce dell’Australian Transport and Safety Bureau – il telefono è nelle nostre mani e presto verrà sottoposto a un esame tecnico”. Dal canto suo, Apple si è detta assolutamente disponibile a collaborare con gli investigatori.