Si può essere molto legati ai semplici ricordi della gioventù, finendo per avere più a cuore oggetti, o nel caso specifico giocattoli, che non hanno nessun valore economico. Ma la vicenda del trentenne inglese Ricky LaTouche e di sua moglie Pornpilai Srisroy, thailandese ventottenne, è andata decisamente oltre. Infatti il giovane britannico ha ucciso, nell’aprile scorso, la propria compagna, dopo che questa aveva distrutto tutta la sua collezione di memorabilia di Guerre Stellari, la saga cinematografica creata da George Lucas. Vedere i suoi Luke Skywalker e Darth Vader ridotti in frantumi è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per LaTouche. L’uomo ha raccontato infatti che la distruzione della sua raccolta di oggetti legati al popolare film ha rappresentato soltanto una parte della campagna intrapresa dalla moglie per rendergli la vita “un inferno”. Pornpilai Srisroy è stata ritrovata morta per asfissia sul letto che la coppia condivideva, coperta da un piumone e con un cuscino sul volto. Ricky LaTouche si definisce un marito sottomesso, sottolineando come la defunta moglie lo abbia fatto “uscire di testa” con la continua minaccia di lasciarlo per fare ritorno nella natia Thailandia. I due si erano conosciuti nel 2001 proprio nella nazione asiatica e dopo due anni erano sposati. La ragazza aveva ottenuto il permesso di soggiorno nel Regno Unito soltanto dopo altri due anni e sul suolo inglese è nato l’unico figlio della coppia. LaTouche ha raccontato ai poliziotti che una volta sua moglie lo aveva colpito con una stecca da biliardo, minacciando di ucciderlo e “farlo a pezzi e mangiarlo”. Le argomentazioni di Ricky LaTouche, che si era comunque dichiarato colpevole di omicidio involontario, non devono avere convinto granché i giudici inglesi della Preston Crown Court che nei giorni scorsi lo hanno condannato al carcere a vita (con un minimo di detenzione certa fissato in dodici anni), ritenendolo colpevole di omicidio volontario.