Lo sostiene un team di ricercatori della canadese University of British Columbia che ha scoperto un modo per aggirare i sistemi di sicurezza di Fb. Gli specialisti canadesi hanno creato un gruppo di falsi utenti Facebook e sono stati in grado di raccogliere migliaia di indirizzi email e informazioni private. I falsi utenti non sono altro che “agenti” software, noti come Socialbots, che funzionano all’incirca come un virus informatico. Mandano in giro richieste di amicizia e i ricercatori canadesi hanno rilevato che un utente su cinque, benché non conosca il mittente, accetta.