La Chiesa deve adeguarsi ai tempi: si dice e si ripete da tempo e Adrian Plass, scrittore e umorista, nel suo Sacred Diary profetizza un quadro quasi comico dei luoghi di culto religioso del terzo millennio. Ma come al solito la realtà supera l’immaginazione e ora arriva una chiesa che si può gonfiare e allestire da un momento all’altro. Una chiesa nomade, insomma, dove in qualsiasi momento si possa pregare e riunirsi tra fedeli. Pochi sermoni, nel rispetto del filosofo Frank Los, e molte discussioni filosofiche e spirituali.

continua su Corriere.it

Annunci