Ci sono persone che per la sola presenza di un insetto vanno nel panico e iniziano a strillare e dimenarsi (fino a che generalmente non vengono punte), altre pur non avendone alcuna paura preferiscono non averci nulla a che fare. Ma i due apicoltori cinesi della provincia dell’Hunan non solo hanno un’ovvia dimestichezza con i pungenti animaletti, ma si sono addirittura sfidati nel farsene letteralmente ricoprire (questa singolare disciplina viene chiamata bee bearding). Lu Kongjiang e Wang Dalin, questi i nomi dei due intrepidi, hanno avuto un’ora di tempo per far atterrare sul proprio corpo (coperto soltanto da un paio di pantaloncini) la maggiore quantità di api, attirate da un ape regina chiusa in una gabbietta fissata al mento dei due concorrenti. Ad aggiudicarsi la singolare e pericolosa competizione è stato Wang Dalin che, al termine del tempo prestabilito, si è ritrovato addosso poco più di 26 chilogrammi di insetti ronzanti; mentre il suo avversario si è fermato a 23. Entrambi comunque non sono riusciti a battere Mark Biancaniello che nel 1998 durante una puntata di Guinness World Record riuscì ad attrarre 39.5 chilogrammi di api su di sé.