“Lavati bene i denti”. Chi non ha mai sentito o (se genitore) pronunciato questa frase? Ma aldilà dell’alito cattivo, delle carie e delle conseguenti, e costose, cure odontoiatriche ci sono molte ragioni per prestare attenzione alla propria igiene orale. Per esempio, le donne che vogliono aumentare le loro possibilità di avere un bambino dovrebbero assicurarsi di usare il filo interdentale regolarmente. L’indicazione proviene da uno studio della University of Western Australia che sostiene come la cattiva igiene orale sia dannosa per la fertilità quanto l’obesità (entrambe le condizioni ritarderebbero il concepimento di circa due mesi). Durante un congresso in Svezia esperti del settore hanno rilevato che le donne con patologie gengivali impiegano sette mesi a concepire rispetto ai ben più comuni cinque. Gli scienziati ritengono che la causa di fondo sia un’infiammazione che, se non curata, può dare il via a una catena di reazioni in grado di danneggiare il normale funzionamento del corpo. E’ bene ricordare che le patologie periodontali vengono ritenute dalla medicina in grado di causare malattie cardiache, diabete di tipo 2, aborto spontaneo e di incidere in senso negativo sulla qualità dello sperma. Secondo la ricerca australiana, che ha coinvolto più di 3.500 donne, quelle con malattie gengivali mostravano elevati livelli ematici dei principali marcatori dell’infiammazione. Roger Hart, a capo dello studio della University of Western Australia, sostiene che ” fino a oggi non sono mai state pubblicate ricerche che abbiano indagato sull’influenza negativa delle malattie gengivali femminili rispetto alle probabilità di concepimento. Questa è la prima a suggerire che le patologie periodontali potrebbero essere uno dei fattori sui quali agire per aumentare le possibilità di una gravidanza”. Pertanto, da ora in poi, le donne che cercano di avere un bambino dovranno aggiungere una visita dal dentista ai già noti “comandamenti” della futura mamma: smettere di fumare e di bere, mantenere un peso sano e assumere acido folico attraverso degli integratori alimentari.