Non potendo seguire, per ragioni geografiche, l’esempio di paesi come la Grecia (che ha di recente messo in vendita alcune isole) l’Austria ha deciso di vendere per soli 121 mila euro due intere montagne: il Grosse Kinigat e il Rosskopf. Sul sito dell’agenzia immobiliare federale che si occupa della vendita (la Bundesimmobiliengesellschaft o più semplicemente Big) descrive entusiasticamente le due cime (entrambe oltre i duemila metri) sottolineando che offrono “la migliore vista possibile sulle Alpi Carniche e sono meta abituale di alpinisti e amanti del trekking”. L’acquirente, il termine per partecipare all’asta scade l’otto luglio prossimo, dovrà in ogni caso rispettare l’impegno di mantenere accessibili al pubblico le due montagne. Al momento gli aspiranti proprietari alpini sono già venti, ma i locali non hanno gradito l’iniziativa del governo. Il sindaco del piccolissimo villaggio di Kartitsch, Josef Ausserlechner, ha reclamato il diritto di prelazione sull’acquisto che i residenti avrebbero proprio in quanto tali. Insomma quelle montagne le sentono già loro ma tutto quello che possono pagare è un prezzo simbolico di “un paio di migliaia di euro”.