In inglese una bucket list (oltre a essere il titolo di un film con Jack Nicholson e Morgan Freeman, diretto nel 2008 da Rob Reiner) è un elenco che si scrive quando si sa che la propria vita è agli sgoccioli (kicking the bucket). Infatti il film di cui sopra è incentrato sulla storia di due malati terminali di cancro ai polmoni che abbandonano l’ospedale dopo avere stilato una lista di cose che andavano assolutamente fatte prima che la fine sopraggiungesse. Ma la realtà può essere molto più crudele della finzione: è questo il caso di Alice Pyne, quindicenne di Ulverston (Inghilterra), da quattro anni in lotta contro il linfoma di Hodgkin, una grave forma di tumore maligno. Purtroppo ora la ragazza sa che la sua battaglia contro la malattia sarà presto perduta e ha quindi deciso di stilare la propria “bucket list” e di pubblicarla sul suo blog, ma anche su Twitter. Ed è proprio attraverso il sito di micro-blogging che la storia di Alice ha fatto il giro del mondo, raccogliendo in risposta i tweet di calciatori famosi e stelle della musica, ma anche del primo ministo inglese David Cameron e di tanti anonimi utenti. A un certo punto la lista delle cose da fare della sfortunata ragazza inglese è diventata in assoluto il principale argomento di conversazione su Twitter. L’elenco dei desideri di Alice comprende:
– Nuotare con gli squali.
– Convincere tutti a iscriversi alle liste per la donazione del midollo osseo.
– Andare in Kenya. (“Anche se ora non posso viaggiare, l’ho desiderato molto”).
– Portare il suo labrador Mabel a una mostra cinofila regionale.
– Una fotografia che la ritragga con le amiche Milly, Clarissa, Sammie e Megs e un’altra con il suo amato cane Mabel.
– Un party per lei e i suoi migliori amici, con inclusa la proiezione privata di un film.
– Viaggiare in camper.
– Un iPad viola. (“Qui non mi consentono di tenerne uno, ma mia madre sta cercando qualcuno che glielo presti”).
– Fare l’allenatrice di delfini. (“Attualmente non potrei più fare neanche questo”).
– Incontrare i Take That.
– Andare a Cadbury World e mangiare un sacco di cioccolata.
– Accomodarsi nella “chocolate room” dell’Alton Towers
– Una seduta dal parrucchiere. (“Ammesso che possano fare qualcosa per i miei capelli”).
– Un massaggio alla schiena.
– Vedere nuotare le balene.

Le risposte non si sono fatte attendere. La giovane incontrerà i Take That già nel corso di questa settimana. Le fotografie con amiche e cane sono state scattate da un fotografo della vicina città di Barrow. Un cinema locale ha offerto alla ragazza e ai suoi amici il party richiesto, al quale i principali invitati arriveranno a bordo di una Limousine, gratuitamente messa a disposizione da un noleggiatore. Inoltre le sono stati offerti da altrettanti operatori del settore, un massaggio aroma-terapico e una nuova acconciatura curata da una parrucchiera specializzata nel trattare i capelli delle donne che si sono sottoposte a chemioterapia. Un camper tutto per Alice e altri cinque tra familiari e amici è stato messo a disposizione con l’aggiunta dell’invito a visitare un safari park inglese, essendo problematico per la quindicenne viaggiare fino all’agognato Kenya. Il resort per famiglie Alton Towers è pronto ad accogliere Alice nella stanza del cioccolato, ma anche a farla nuotare con gli squali nell’acquario all’interno del complesso e omaggiarla di un massaggio alla schiena nella spa del resort. Oggi la ragazzina inglese ha voluto rispondere a tutti coloro che le hanno inviato messaggi e solidarietà: “Grazie davvero di tutti i deliziosi messaggi che mi avete inviato. Non ho dormito molto bene e quindi ho passato la notte leggendoli via via che arrivavano da tutto il pianeta, uno per uno, e mi hanno fatto davvero sorridere”. Alice ha promesso che depennerà dalla lista i desideri una volta che verranno esauditi, sottolineando che diventare una star di Twitter non era una delle sue priorità.