Il Federal Bureau of Investigation ha pubblicato sul proprio sito, The Vault, un curioso promemoria nel quale verrebbe confermata la natura extra-terrestre di uno dei più famosi incidenti Ufo, quello di Roswell. Il 2 luglio1947 a Roswell, New Mexico, si sarebbe verificato lo schianto di un Ufo a seguito del quale una pattuglia di militari avrebbe recuperato, oltre a numerosi reperti, i cadaveri di tre alieni. Il primo comunicato stampa pubblicato dalla base aerea di Roswell, l’8 luglio 1947, parlava di un vero e proprio “disco volante”. La dichiarazione ufficiale delle autorità statunitensi fu però che si trattava di un semplice pallone sonda. Secondo gli ufologi, i militari ritrovarono il corpo centrale del disco volante e ad alcuni chilometri di distanza raccolsero i corpi degli extraterrestri che sarebbero stati a bordo dell’Ufo.
Il tutto fu portato alla base militare di Wright Patterson e, dopo alcuni anni di ricerche e studi, l’oggetto volante non identificato e i resti degli extraterrestri sarebbero stati trasferiti all’interno della cosiddetta Area 51, una base militare statunitense che per questo motivo da allora gode a livello popolare della fama di estrema segretezza. Nelle carte pubblicate su The Vault c’è una nota proveniente da un ufficio federale, risalente all’8 luglio 1947, che fa riferimento all’incidente di Roswell: “Questo ufficio è stato avvertito telefonicamente da membri dell’Air Force del ritrovamento di un oggetto che si suppone essere un disco volante a Roswell, nel New Mexico. Il disco è di forma esagonale ed era appeso, per mezzo di un cavo, a un pallone di sei metri e mezzo di diametro”. Il cablogramma proseguiva sottolineando che le comunicazioni tra le due basi avevano portato a definire l’ipotesi che si trattasse di una sonda metereologica “poco credibile”. Un altro documento visibile sul sito dell’Fbi, indirizzato dall’agente speciale Guy Hottel, in data 22 marzo 1950, al suo direttore, J.Edgar Hoover, fa riferimento a un diverso incidente, ancora nel New Mexico. Vi si legge che “un investigatore dell’Air Force ha dichiarato di avere rinvenuto tre cosidetti dischi volanti nel New Mexico. Sono stati descritti come di forma circolare e con un diametro aprossimativo di 16 metri. A bordo di ognuno c’erano tre corpi di natura umana, ma alti solo tre piedi (90 centimetri). Erano vestiti con indumenti metallici a trama molto fitta. Ogni corpo ne era fasciato in un modo che ricordava le tute usate dai piloti di jet. L’informatore (il cui nome è stato eliminato dal testo) ritiene che gli Ufo siano precipitati a causa delle interferenze elettroniche provocate dai radar militari presenti nella zona”.