E’ difficile comprendere come, per una persona che si trova nell’imminenza di una decisione importante, sia più conveniente avere anche una certa urgenza di trovare una toilette per fare pipì piuttosto che essere concentrati e rilassati. Ma è questa la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dell’università olandese di Twente, che al termine del loro studio, affermano che una persona con la vescica piena è più portata a prendere decisioni sagge e ponderate. La vescica piena fa scattare un meccanismo di auto-controllo gestito dal cervello che si attiva nella stessa area nella quale vengono elaborati i sentimenti di desiderio e di ricompensa. Ma la ricerca olandese sottolinea che non è necessario infliggersi la fatica di trattenere l’urina per assumere comportamenti responsabili, poichè lo stesso grado di auto-moderazione si può raggiungere anche soltanto pensando a parole collegate alla pipì. Secondo la dottoressa Mirjam Tuk che ha guidato la ricerca afferma: “Spesso le persone sono in grado di controllare il loro impulso a ottenere gratificazioni immediate e di scegliere un’opzione che darà i suoi frutti più a lungo termine. L’area cerebrale che gestisce questo genere di comportamento è la stessa deputata al controllo della vescica”. Nel corso della sperimentazione i ricercatori hanno chiesto a un gruppo di volontari di bere cinque bicchieri di acqua da 750 millilitri o di assumere piccoli sorsi d’acqua da cinque bicchieri diversi. Dopo quaranta minuti, il tempo medio che impiega a raggiungere la vescica, gli studiosi hanno valutato le capacità di controllo dei partecipanti. I volontari sono stati chiamati a compiere otto scelte che prevedevano premi piccoli e immediati o più generosi ma in ritardo. Tra le opzioni offerte si poteva scegliere tra il pagamento di 16 dollari il giorno stesso o 30 entro trentacinque giorni. La maggior parte di coloro che avevano la vescica piena ha scelto i premi di valore maggiore anche se più distanti nel tempo. “Forse sarebbe meglio bersi una bottiglia d’acqua prima di mettere mano al proprio portafogli azionario – conclude la dottoressa Tuk – o forse tutti negozianti dovrebbero avere un bagno a disposizione dei loro clienti, così questi avranno più voglia di acquistare un televisore con lo schermo più grande. Con la vescica vuota.”

Annunci