L’autore del Giovane Holden era noto per essersi ritirato dalla vita pubblica e per vivere come un eremita nella sua proprietà nel New Hampshire. Ora cinquanta lettere e quattro cartoline scritte a un amico inglese, Donald Hartog, sono state donate dalla figlia di quest’ultimo alla University of East Anglia di Norwich. Ne esce un ritratto inedito di un Salinger che amava il teatro ma non disdegnava le gite di gruppo in autobus alle Cascate del Niagara o al Grand Canyon. Ascoltava i Tre Tenori, con una particolare predilezione per Josè Carreras, preferiva gli hamburger di Burger King a quelli di altre catene di fast food e amava assistere a partite di tennis. Insomma un uomo normale, la cui proverbiale scontrosità era forse dettata solo dal desiderio di potere vivere liberamente.

Annunci