L’avvertimento proviene dagli scienziati di varie discipline che hanno dato il loro contributo alle Philosophical Transactions of the Royal Society A pubblicate oggi. Gli studiosi hanno analizzato tutti gli aspetti della ricerca di forme di vita aliene, dall’astronomia alla biologia, prendendo in considerazione le conseguenze politiche e religiose di un incontro ravvicinato con esseri provenienti da altri pianeti. Inoltre i firmatari dello studio chiedono che l’Onu dedichi una propria branca agli “affari extra-terrestri” con il compito di formulare un piano in caso di contatto alieno. In realtà, sostengono gli scienziati della Royal Society, l’Onu ha già un ufficio che potrebbe essere competente: si tratta del Committee on the Peaceful Uses of Outer Space (Copuos). I principali timori degli studiosi sono legati alla possibilità che esistano altre forme di vita e che siano molto più simili a noi di quanto possiamo immaginare, soprattutto se provengono da pianeti con condizioni ambientali analoghe a quelle della Terra. Quindi niente omini verdi ma piuttosto individui con le nostre stesse tendenze alla violenza e allo sfruttamento. Anche le religioni verrebbero messe in discussione poichè l’esistenza di forme di vita pari o addirittura superiori a quella umana ridisegnerebbe l’immagine stessa di Dio che, nella credenza cattolica e non solo, ci ha fatti a sua immagine e somiglianza.

Annunci