Un team di ricercatori cinesi dell’Università di Hong Kong ha mappato interamente, per la prima volta, il genoma di un feto, segnando un possibile punto di svolta nel campo delle diagnosi prenatali.
Il procedimento potrebbe sostituire l’amniocentesi: costa 200mila dollari ma è in arrivo un test più economico.

Continua su Corriere.it

Annunci