Secondo Walter Caporale, presidente dell’associazione Animalisti italiani “Il Grande Fratello è il reality della crudeltà verso gli animali e gli autori, la conduttrice e soprattutto i protagonisti ignorano totalmente il danno che, dal punto di vista culturale, stanno arrecando ai tanti giovani che seguono il programma”. Caporale fa riferimento a due distinti episodi avvenuti nella casa. “Sono giunte numerose segnalazioni – prosegue Caporale – rispetto a due episodi in particolare. Uno è quello che si riferisce a una concorrente di nome Guendalina che, nella puntata in prima serata di lunedì 29 novembre, progetta di uccidere un uccellino per donarlo a un’altra concorrente, Angelica, amante dichiarata degli animali. Il commento della presentatrice è stato ‘povero uccellino morto’ e ha continuato il programma minimizzando l’accaduto”. L’altro episodio si è verificato sabato 4 dicembre nella stanza Tugurio dove sono stati mandati gli uomini: il concorrente Matteo ha preso una gallina l’ha lanciata in aria per poi lasciarla cadere a terra facendole sbattere violentemente la testa al suolo. Lo stesso Matteo ha poi riacciuffato l’animale scuotendolo violentemente e alcuni inquilini della casa hanno osservato la zampa rotta della gallina”. L’associazione Animalisti Italiani ha dato mandato ai propri legali di valutare eventuali azioni legali nei confronti dei concorrenti e degli autori del programma chiedendo nel frattempo l’eliminazione dei due protagonisti delle stupide prestazioni anti-animali e la sospensione del GF. Non sarebbe meglio obbligare i due concorrenti incriminati a passare qualche ora, rigorosamente in diretta, con un nuovo animale da maltrattare? Magari un alligatore o un puma?

Annunci