L’attrice americana, nota in Italia soprattutto per essere stata la protagonista de La Luna di Bernardo Bertolucci (nel quale interpretava una cantante lirica che, rimasta vedova, intreccia un rapporto incestuoso con il figlio adolescente ed eroinomane), è morta nella sua casa di Lakeville (Minnesota). La Clayburgh lottava da vent’anni contro una forma di leucemia cronica. Nel 1978 aveva ricevuto una nomination all’Oscar per la sua interpretazione in Una Donna Tutta Sola, che le valse comunque il premio come migliore attrice al Festival del cinema di Cannes dello stesso anno. In tv, nel corso degli anni, ha preso parte alla realizzazione di fortunate serie come Ally McBeal e Dirty Sexy Money. Nel corso di un’ intervista, datata 1982 e rilasciata al New York Times, Jill Clayburgh commentò la sua attitudine a recitare ruoli nei quali era prevista una donna in grado di affrontare le sfide nella vita: “Io spero che chi mi guarda veda la femminilità del mio personaggio. Ma non è quello che mi riesce meglio. Io dò il massimo di me stessa interpretando personaggi portati all’estremo”.

Annunci