Venerdì scorso, a Berlino, è stata inaugurata la mostra Hitler e i Tedeschi che ripercorre la storia sociale sfociata nel Nazismo. Nel corso del primo giorno, secondo i dati forniti dall’organizzazione che ha curato l’evento, sono stati venduti quattromila biglietti che, nel corso del week-end, sono diventati diecimila. Secondo Rudolf Trabold, portavoce del museo: ” La mostra va così bene perchè è la prima che spiega come un uomo che ha vissuto ai margini della società per trent’anni sia potuto diventare un mitico leader del popolo tedesco”. Sui mezzi di informazione della Germania si era diffusa la preoccupazione che la mostra attirasse molti neo-nazisti ammiratori del Fuhrer ma, sebbene tra i visitatori vi siano stati degli estremisti di destra, tutto è filato liscio. Le uniche contrarietà sono state quelle legate ai tempi di attesa per accedere al museo che si sono aggirati sull’ora e mezza.

Annunci