Quando Efren Peñaflorida, ventinovenne di Cavite City (Filippine), ha iniziato ad andare in giro con un carretto carico di libri, spinto a braccia da lui e dai giovanissimi volontari che lo aiutano, non pensava certo alla fama e alla gloria, ma, più semplicemente, a provare a dare un’istruzione di base alle migliaia di bambini che vivono per le strade nella sua città natale. L’impegno di Peñaflorida, sui cui carretti trovano posto anche lavagna, gesso e sedie per i piccoli alunni, è stato notato dalla Cnn che lo ha insignito, nell’autunno scorso, del titolo di Eroe dell’Anno nel nome degli sforzi profusi e dei risultati ottenuti nel suo tentativo di alfabetizzare i bambini più poveri. A partire dal 1997 il ventinovenne filippino, coadiuvato da un piccolo esercito di dodicimila adolescenti-volontari, ha insegnato a leggere e a scrivere a più di 1800 bimbi. “Il premio che ho ricevuto, e che condivido con tutti i ragazzi che mi aiutano, è la conferma che ci stiamo impegnando per una giusta causa.” ha dichiarato Efrem Peñaflorida al suo ritorno in patria. A Cavite City e a Manila molte persone lo hanno atteso e applaudito all’aeroporto e, in seguito, è stato insignito, dall’allora presidente Gloria Arroyo, dell’Order of Lakandula, una delle più alte onoreficienze civili delle Filippine. Ma non è finita, il governo, attualmente guidato da Benigno Aquino III, ha deciso di collaborare fattivamente, ed economicamente, per migliorare e aumentare il numero dei carri-scuola. A Cavite City sta per essere ultimata la costruzione del nuovo centro educativo della Dynamic Teen Company, l’organizzazione no-profit fondata da Efrem Peñaflorida. La costruzione dell’edificio, rigorosamente a forma di carretto, è stata in parte finanziata grazie all’assegno da 125 mila dollari accluso al premio di Eroe dell’anno. All’interno del centro troveranno spazio un laboratorio di informatica, una libreria, un poliambulatorio medico, una cucina e, ovviamente, un garage per i piccoli carri ricolmi di libri. ” Lo chiameremo – ha detto Peñaflorida – Care for Poor Children Learning Center, e sarà un luogo nel quale i bambini potranno trovare modo di esercitare i propri diritti liberamente e imparare i principi grazie ai quali si può cambiare la propria vita”. Nelle Filippine e in altre parti del mondo sono stati prodotti documentari e film per la tv incentrati sulla figura di Peñaflorida che recentemente è stato invitato a essere uno dei tedofori che porteranno la fiaccola ai primi Giochi Olimpici Giovanili che si svolgeranno a Singapore. Il giovane filippino è anche conduttore di un proprio show-tv, Ako Mismo (Io stesso), un programma nel quale vengono presentati i casi di persone socialmente impegnate nel tentativo di migliorare la vita altrui. A proposito della sua esperienza come anchor-man, Peñaflorida racconta: ” Mi hanno parlato di questo show, ispirato a un discorso che ho tenuto al Kodak Theater, nel quale dicevo che c’è un eroe che aspetta di essere liberato in ognuno di noi e, visto il premio che avevo ricevuto, mi hanno proposto di condurlo. Lo posso fare secondo principi che condivido, aiutando il nostro paese a trovare i suoi eroi e, probabilmente, la sua guarigione”. L’amministrazione di Cavite City ha proclamato, per il 22 novembre prossimo, Il Giorno di Efren Peñaflorida ma lui non ci sarà perchè in quella volerà di nuovo a Hollywood per la premiazione degli Eroi CNN 2010 per congratularsi con “venticinque anime che svolgono un lavoro notevole, fornendo una grande ispirazione”.

Annunci