Ieri mattina, verso le 11.30, il 63enne Frank Latta stava surfando le onde a Valla Beach nei pressi di Nambucca Heads nel New South Wales, quando, secondo le testimonianze di alcuni surfisti, dopo aver cavalcato un’onda è stato visto galleggiare sull’acqua privo di sensi. Malgrado gli sforzi profusi nel tentativo di rianimarlo, l’uomo ha smesso di vivere pochi minuti dopo essere stato riportato sulla spiaggia.
Secondo Bernard “Midget” Farrelly, primo australiano a conquistare il titolo mondiale nel 1963 alle Hawaii: “Frank era uno dei migliori surfisti negli anni 60. Anche se non era al centro dell’attenzione dei media che, al tempo, concentravano la loro attenzione su altri, Frank aveva una natura molto competitiva in acqua, ma questo non lo ha mai portato a calpestare i piedi di nessuno”. Negli anni 80 e 90 Latta ha vinto numerosi competizioni dedicate a surfisti di mezza età e ha collaborato alla progettazione di tavole da surf con la nota azienda australiana “Billabong”. Il miglior epitaffio è forse quello che ha espresso un suo amico, che ha preferito rimanere anonimo, alla ABC: “Frank è morto nel suo elemento, praticando lo sport che amava. Saranno molti i surfisti a piangere la sua scomparsa”.

Annunci