Tutto falso. A cominciare dal nome Jarno Smeet (in realtà il burlone olandese si chiama Floris Kaayk), falsa la professione (non è un ingegnere ma un regista e animatore), inventato di sana pianta il curriculum, inesistente il prototipo di ali (Jarno/Floris aveva raccontato di averlo messo a punto partendo da disegni lasciatigli dal padre e utilizzando i sensori di movimento della Wii e un accellerometro preso da uno smartphone) e falso, ovviamente, il filmato girato in un parco dell’Aja. Kaayk, che considera la sua trovata una forma di narrazione online, ha definito inoltre il suo volo “un esperimento sui mezzi di informazione sul web”.

About these ads